Transamerica

Regia: Duncan Tucker

Sceneggiatura
:
Duncan Tucker

Fotografia
:
Stephen Kazmierski

Montaggio
:
Pam Wise

Musica
:
David Mansfield

Interpreti principali:
Felicity Huffman, Kevin Zegers, Fionnula Flanagan, Graham Greene, Burt Young, Elizabeth Peña

Produzione
: Belladonna Productions

Distribuzione:DNC

Origine
: Stati Uniti 2006

Durata
: 103' Colore
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RITORNA AI MIEI FILM

 

 

 

 


I miei viaggi

 

Estero
Italia


 
 Chi Sono
 

 

 

 

 guestbook

 
 Fa sempre piacere leggere
 un messaggio lasciato da 
 chi è passato nel sito; se
 vuoi lasciare una tua traccia  o leggere quello che altri  
   visitatori hanno scritto:
                entra
 
 
 

 

 

  
 

 

 

 
 
 

 

 

 

Transamerica

La frase1: "Salve, sono una missionaria della chiesa del "Padre potenziale".
 

Festival Internazionale di Berlino 2005 – Miglior Film “ Sezione Panorama”

Tribeca Film Festival 2005 – Miglior attrice

Deauville Film Festival 2005 – Migliore Sceneggiatura

Critica

Autore: Roberto Nepoti - Testata: la Repubblica

(...) Non si vede spesso una commedia con tante virtù: civiltà di propositi, ottimi dialoghi, ritmo vivace, bella fotografia, una grande interpretazione. (...) Lei (Felicity Huffman, ndr), la statuetta, se la meriterebbe tutta; per come ha sottoposto il corpo a un trucco deformante e delicato insieme, calandosi poi in un personaggio che è un crogiolo di dolore, humour, amarezza, determinazione. Trovare tanta umanità in un "carattere" cinematografico è cosa che, in una stagione, capita un numero di volte da contare sulle dita.

Il tema della transessualità non è dei più facili, se non si vuole scivolare sui soliti stereotipi o andare di bieco umorismo, e in questo film dove viene addirittura messo a confronto con la paternità il rischio di farne un grosso minestrone ci poteva stare. Invece la sceneggiatura, la regia e una splendida recitazione di Felicity Huffman, lo trasformano in una commedia delicata dove non prevale ne la drammaturgia della vicenda, ne l'ironia di alcune scene e di alcune battute, ne eccessi di realismo nero o di melodramma. E' il racconto di un ritorno,di un riconoscimento di se stesso come donna e come genitore, padre prima e madre poi. Insomma è un film da vedere e da apprezzare.   

la mia recensione

       INIZIO PAGINA 

Copyright Roberto.Fontana.Name ®