I miei viaggi

 

Estero
Italia


 
 Chi Sono
 

 guestbook

 
 Fa sempre piacere leggere
 un messaggio lasciato da 
 chi è passato nel sito; se
 vuoi lasciare una tua traccia  o leggere quello che altri  
   visitatori hanno scritto:
                entra
 
 
 

 

  
 

 
 
 
 
 
 
 

Tonnara di Vendicari
 

Forse è stata la Sicilia stessa che al visitatore pone su un vassoio tutta una serie di reperti, siti e immagini delle epoche passate, che mi ha fatto venire in mente di produrre un breve reportage fotografico della tonnara di Vicari.
Una specie di testimonianza di quanto rimane della civiltà dell'uomo dopo più di un millennio dalla sua origine. 
Non è molto e l'amarezza è proprio quella di sapere che in 50 anni siamo riusciti a distruggere quasi tutto anziché imparare a conservare.  

Testo alternativo accessibile Testo alternativo accessibile Testo alternativo accessibile
  Testo alternativo accessibile

Testo alternativo accessibile

Testo alternativo accessibile  

Testo alternativo accessibile

Testo alternativo accessibile

Testo alternativo accessibile


La Tonnara che è presente all'interno dell'Oasi, ha origini antichissime: ellenistiche, periodo in cui veniva lavorato il pesce con due attività: la salagione del surplus pescato (tarichos), in genere tonno, ma anche sgombri e la preparazione del garum, una specie di sottoprodotto del primo, in quanto venivano messi a macerare in vasche di acqua di mare gli scarti dei tonni con minutaglia ittica varia. Molto più recentemente la lavorazione si è industrializzata, si veda l'alta ciminiera, trasformandola in una industria per l'inscatolazione del tonno pescato nei dintorni. Ha cessato l'attività nel 1943.

 

La vecchia foto che riproduce alcuni "antichi tonnaroti" è tratta da http://www.prolocoportopalo.org/ che segnalo e ringrazio.
Appare volutamente triplicata quasi a voler rinforzare la memoria e il ricordo di tutti i pescatori che hanno prestato la loro attività nelle tonnare della Sicilia.

Testo alternativo accessibile Testo alternativo accessibile

Adiacente alla tonnara è presente anche una torre di origine sveva eretta nel 1416 da Pietro D'Aragona, a difesa del caricatore di Vendicari, dagli attacchi dei Saraceni e dei pirati; rifacimenti furono operati nel 500, quando fu fortificata anche con pezzi d'artiglieria, attiva sino al 1800
 

La Tonnara di Vendicari è inserita all'interno della Riserva Naturale Orientata di Vendicari, nell' Oasi Faunistica. Si tratta di una riserva creata nel 1989 su un territorio di 574 ha, comprendente una serie di zone umide, utilizzate dagli 
  uccelli acquatici quale luogo di sosta durante le migrazioni. Circa 200 sono specie osservate e i mesi migliori per vederli sono quelli autunnali, dalla fine di agosto, in cui è possibile osservare i grossi trampolieri, Aironi cenerini,
  Garzette, bianche Spatole , cicogne e fenicotteri.
  Da novembre a marzo con l'aumento dell'acqua è possibile vedere anche Folaghe, anatre, Gabbiani, qualche Cormorano, mentre nel periodo marzo - maggio è possibile reincontrarli in salita verso il nord dell'Europa nelle zone di riproduzione. 
 

 

La riserva naturale di Vendicari si estende per più di otto chilometri, lungo la costa Sud-Orientale della Sicilia, tra Lido di Noto e località S. Lorenzo, a Nord di Marzamemi.

 Esiste un percorso che permette di vedere una serie di antiche tonnare della zona: 
 la tonnara di Terrauzza si trova nella penisola della Maddalena
 la tonnara di  Santa Panagia:  alla periferia nord di Siracusa 
 la tonnara di Avola  alla Marina Vecchia di Avola
 la tonnara di Vendicari  si veda sopra
 la tonnara di Marzamemi  che nello secolo scorso era il più grande stabilimento di
                                     lavorazione del tonno del mezzogiorno.
 la tonnara di Portopalo   di fronte all'isola di Capo Passero

Link utili

  
Vendicari
: informazioni e foto

    
  INIZIO PAGINA  RITORNO A SICILIA

Copyright Roberto.Fontana.Name ®