I miei viaggi

 

Estero
Italia


 
 Chi Sono
 

 

 

 

 guestbook

 
 Fa sempre piacere leggere
 un messaggio lasciato da 
 chi è passato nel sito; se
 vuoi lasciare una tua traccia  o leggere quello che altri  
   visitatori hanno scritto:
                entra
 
 
 

 

 

  
 

 

 

 
 
 



 

La prima citazione che mi arriva alla mente quando organizzo un viaggio,non mi appartiene, ma come tutte le massime nasconde una piccola - grande verità con cui concordo:

"Volare è utile, atterrare è necessario" di Eros Drusiani
è tratto da "Anche le formiche nel loro piccolo s' incazzano" di Gino e Michele.

Raccolte leggendo qua e là.....
  • "La vita è ciò che facciamo di essa. I viaggi sono i viaggiatori.
    Ciò che vediamo non è ciò che vediamo, ma ciò che siamo."    
    Fernando Pessoa

  • "Lo scopo del viaggio è fermarsi ad ascoltare chiunque abbia qualcosa da raccontare...".

     

  • Di una città non apprezzi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda.
    Italo Calvino

  • All'orizzonte di quell'oceano
    ci sarebbe sta sempre un'altra isola,
    per ripararsi durante un tifone,
    o per riposarsi e amare
    Quell'orizzonte aperto sarebbe stato
    sempre lì, un invito ad andare

    Hugo Pratt da "Una ballata del mare salato"

  • La gente non fa un viaggio. E' il viaggio che fa la gente.
    John Steinbeck
     

  • Mai che io senta la parola "fuga"
    Senza che mi tremino i polsi
    Senza che subito mi prenda un senso d'attesa,
    Senza che mi senta pronta ad andare !
    Emily Dickinson  Poesie


     

 

Di ciascun Paese che ho visitato è stato bello goderne anche la cucina e i suoi cibi: elencarli tutti sarebbe lunghissimo.
Ho trovato invece questa semplice ricetta, un pò strana, originaria del nostro Mediterraneo e che ben traduce il problema internazionale della fame con una semplicità e fantasia, indispensabili al suo superamento e attenuazione.

Il brodo di pietre

"Si prendono da un posto fino al quale non giunga la bassa marea due o tre pietre, né troppo grandi né troppo piccole inscurite dalla lunga giacenza sul fondo del mare; si cuociono a lungo nell'acqua piovana, fino a che non esca tutto ciò che si trova nei loro pori; si aggiungono alcune foglie di alloro e di timo e, infine, un cucchiaio di olio  d'oliva e di aceto di vino.
Se sono state scelte pietre adeguate, non c'è neppure bisogno di salare.

Questo tipo di brodo noto praticamente su tutte le isole dello Jonio, dell'Adriatico e del mare tirreno, lo cucinavano gli Illiri, i Greci, i Liburni e probabilmente già i Fenici, gli Etruschi, i Pelasgi. Il brodo di pietra è antico come la miseria sul Mediterraneo.

("MEDITERRANEO", di Predrag Matvejevic Ed. Garzanti 1998, )

 

Non prendete nulla,
tranne foto.
Non lasciate nulla, 
tranne impronte.
Non portate via nulla,
tranne ricordi.


Cartello all'ingresso di un Parco Sudafricano

 

I viaggi possibili sul pianeta Terra sono di due specie: ci sono quelli che si svolgono dentro i confini di una civiltà e ci sono quelli che ci portano entro i confini di altre civiltà.
Quelli che non toccano il muro di idee e quelli che lo scavalcano.................
Da un punto di vista strettamente culturale le nazioni e gli stati sono delle semplici divisioni regionali o provinciali entro un comune muro d'idee.
I viaggi del secondo tipo portano sempre ad esperienze mentali e spirituali stimolanti........

tratto da Paropàmiso di Fosco Maraini 

       INIZIO PAGINA 

Copyright ROBERTO.FONTANA.NAME ®