I miei viaggi

 

Estero
Italia


 
 Chi Sono

 guestbook

 
 Fa sempre piacere leggere
 un messaggio lasciato da 
 chi è passato nel sito; se
 vuoi lasciare una tua traccia  o leggere quello che altri  
   visitatori hanno scritto:
                entra
 
 
 

 

 

  
 

 

 

 
 
 
 


Procida
, mi ha sempre affascinato, forse perché nelle immagini in cui l'arcipelago napoletano mi compariva nelle riviste o alla televisione, veniva citata quasi per obbligo, in presentazioni in cui compariva per ultima, quasi una Cenerentola rispetto alle altre sorelle maggiori:Capri e Ischia.
Mi ha sempre colpito per i suoi colori acquarello, in particolare delle sue case, per la popolarità e popolosità dei suoi rioni che si intravedeva nei porticcioli affollati, nel bucato steso tra le finestre e i balconi di alte case affacciate sulla marina, nelle sue strette vie e per lo scorrere regolare della vita che procedeva incurante del fascino, del lusso e della notorietà delle altre isole.
E' sempre rimasta separata da loro, quasi a non riconoscersi nel loro modo di offrirsi, con una dignità tutta sua di un'isola che benché povera, tendeva a conservare  le sue origini e le sue condizioni di vita.
Testo alternativo accessibile

Procida
 Pianta dell'Isola

  Percorrendola per le sue stradine strette o per i viottoli che dalla campagna portano al mare, è come rivedere alcuni film, alcuni dei quali molto amati come "Il Postino", girato tra l'isola di Salina e di Procida, "Detenuto in attesa di giudizio", o altri comunque famosi come "Il talento di Mr. Ripley", "Tornando a casa".
Meglio ancora è come rileggere le pagine dell' "Isola di Arturo" di Elsa Morante......"...sono per gran parte di origine vulcanica e specialmente in vicinanza degli antichi crateri, vi nascono migliaia di fiori spontanei, di cui non rividi mai più i simili sul continente. In primavera le colline si coprono di ginestre:riconosci il loro odore selvatico e carezzevole, appena ti avvicini ai nostri porti, viaggiando sul mare nel mese di giugno.
Su per le colline verso la campagna la mia isola ha straducce solitarie chiuse fra i muri antichi, oltre i quali si stendono frutteti e vigneti che sembrano giardini imperiali."  

Eravamo arrivati sopra Corricella, in uno dei tanti giri in cui si sa da dove si parte ma non si sa dove si finisce e dove si sbuca, perché d'altronde non c'è nessun bisogno di saperlo e con un colpo d'occhio potevamo quasi dominare quell'angolo dell'isola e guardare le case sottostanti che come un piccolo alveare ad anfiteatro, erano incastrate fra di loro in un intricato crescendo colorato che nasconde ogni passaggio trasversale tra il paese e la marina.
Eravamo intenzionati a scendere al porto e cercando con il dito l'attraversamento più utile, ci eravamo affacciati su una specie di stretta balconata posta davanti ad alcune porte a rimirare più comodamente in particolare un albergo che poco sottostante, staccava dalle case.
Un vecchietto sbucato da una di quelle porte ci sorprese, perché in fondo eravamo a un metro dalla sua porta d'ingresso, ma tranquillamente incrociando il nostro sguardo, cominciò a raccontarci che da quella posizione, in quell'albergo aveva potuto ammirare tanti attori arrivati per le riprese dei film girati nell'isola, e,  lisciandosi i baffetti, cominciò ad elencare in ordine di apprezzamento per le attrici ammirate.
L'elenco comprese anche gli spot pubblicitari con parecchi coloriti commenti e ci intrattenne  piacevolmente per una buona mezz'ora, alla fine, forse in coincidenza dell'orario di pranzo, prima di un cordiale saluto ci indicò un passaggio che proseguiva proprio dalla sua casa, perché in realtà non eravamo solo su un balcone, ma anche in un passaggio comunale a tutti gli effetti che ci permise di scendere, avendo l'avvertenza di stare accuorti nell' abbassare la testa in alcuni varchi, particolarmente stretti e bassi.
Si trattava di uno di quei passaggi chiamati "Scale scure", semipubbliche con svincoli di servizio per le case a vari livelli: cento metri di dislivello si percorrono, in discesa, in pochi minuti, molto di più in salita, su dei gradoni irregolari che tagliano le gambe e lasciano senza fiato.

    

 

Clikka sulle foto per ingrandirle

 Testo alternativo accessibile

Procida: Chiaiolella

 Testo alternativo accessibile

Procida: Marina Grande

 Testo alternativo accessibile

Procida : Marina Grande

 Testo alternativo accessibile

Procida

Testo alternativo accessibile

Procida

 Testo alternativo accessibile

Procida

 Testo alternativo accessibile

Procida

 Testo alternativo accessibile

Procida

Testo alternativo accessibile

Procida

 Testo alternativo accessibile

Procida

Testo alternativo accessibile

Procida

Testo alternativo accessibile

Procida: Corricella

Testo alternativo accessibile

Procida: Corricella

 

Testo alternativo accessibile

Procida: Corricella

 

Testo alternativo accessibile

Procida: Corricella

 

Testo alternativo accessibile

Procida: Corricella

 

   Testo alternativo accessibile

Procida: Corricella

 

Testo alternativo accessibile

Ischia

Testo alternativo accessibile

Ischia

Testo alternativo accessibile

Ischia

 

Ricette Procidane

L'insalata di limoni
Gli ingredienti sono semplicissimi: Limoni procidani (quelli grossi di cui si può mangiare anche l'albedo), foglioline di menta, aglio, peperoncino piccante, olio di oliva e sale. E' un piatto semplice e in particolare d'estate freschissimo.

O' Pésce-fiùto
Più che un piatto è una speranza di mangiare. Consiste nella preparazione di acqua bollita... con  desiderio di pesce. La miseria o - peggio - l'esasperato senso del risparmio, facevano ritenere valida, come cena, per le sere di inverno (d'estate ci pensava la "nzalatèdda re pummarole") la zuppa di pane in acqua calda fatta bollire con aglio, prezzemolo e con la "pummarulédda re speniéddo" (pomodorini). 
E il pesce?............. Fiùto!!!! (Fuggito) 
                                                   da wwww.procidamia.it e che ringrazio
 

Link utili

http://www.procida.net           un portale utile per ricercare numeri utili, immagini, link, notizie pratiche
http://www.hotelcrescenzo.it   un piccolo albergo, dove la simpatia dei proprietari e superata solo
                                              dalla bontà della sua cucina.

Compagnie di Navigazione

Caremar spa
Napoli - Molo Beverello
Procida - Stazione Marittima
Aliscafi SNAV
Napoli Mergellina
Procida - Stazione Marittima
ProcidaMar
Via Roma, 6  80079 Procida (Napoli)
ProcidaLines
Procida - Stazione Marittima 
 
  INIZIO PAGINA 

Copyright Roberto.Fontana.Name ®