I miei viaggi

 

Estero
Italia


 
 Chi Sono
 

 

 

 

 guestbook

 
 Fa sempre piacere leggere
 un messaggio lasciato da 
 chi è passato nel sito; se
 vuoi lasciare una tua traccia  o leggere quello che altri  
   visitatori hanno scritto:
                entra
 
 
 

 

 

  
 

 

 

 
 
 
 

Palazzolo Acreide-Ragusa-Modica

La prima meta che vi propongo è Akrai cioè l'attuale Palazzolo Acreide che fu edificata nel 664-663 a.C. dai corinzi siracusani, settant’anni dopo la fondazione di Siracusa. 
Ritengo che sia emblematica perché rappresenta in piccolo quella che fu la storia di tante piccoli o medi insediamenti che nel corso dei secoli dovettero subire invasioni, cambiamenti, modifiche e distruzioni. E' posto su un alto colle dalle pareti rocciose e rappresento come dicono i libri  il baluardo della espansione siracusana nel territorio siculo. La cittadina ebbe un continuo sviluppo  nell’arco dei secoli come si può dedurre dalle due grandi necropoli della Pinita e Colle Orbo. Raggiunse il massimo splendore, e lo testimoniano i monumenti rimasti, negli anni del regno geroneo. La cittadina, dopo quasi milleseicento anni di vita ininterrotta, fu distrutta, per sempre, nell’827 d.C. dagli arabi. Le rovine furono ben presto ricoperte dalla terra e d’Akrai si perse, nel corso dei secoli successivi, anche il ricordo del sito. E' solo nel XVI sec. che storici e archeologi,  localizzarono la cittadina e con gli scavi condotti dal barone Gabriele Iudica, nel primo trentennio dell’800, Akrai fu riscoperta.
I resti visibili ai giorni nostri consistono in un teatro, nell'adiacente bouleuterion cioè in una adiacente piccola sala dove si riuniva il senato, nelle latomie cioè cave di pietra usate come luogo di sepoltura, luogo di culto e anche abitazioni.

Il teatro si presume sia stato costruito insieme al Bouleuterion Testo alternativo accessibileda  Gerone II, a metà del II sec. a.C. non è scavato nella roccia, come quello siracusano, ma è adagiato su un pendio naturale. 
In età romano-imperiale, subì delle modifiche e addirittura in epoca bizantina, a testimonianza anche di una grave decadenza della cittadina, sull’area di parte della scena venne impiantato un edificio per la lavorazione del grano. Il ritrovamento di grosse macine e la presenza di una gran quantità di silos testimoniano tale trasformazione.

Testo alternativo accessibile
Le latomie (l'Intagliata e l'Intagliatella) nate come cave di estrazione (come quelle di Siracu3qsa), diventarono poi necropoli, e osservando come le pareti di roccia sono state tagliate e trasformate in
tombe greche, romane, cristiane, ipogei ed abitazioni bizantine, il tutto che sembra confondersi in un caos storico-archeologico, testimonia come vissuto e veloce, sia stato il ritmo di vita ed il secolare passaggio di questa gente.

Ragusa è una vecchia città ricostruita dopo il terremoto del 1693 che ha toccato e distrutto
gran parte delle città e paesi della Sicilia Orientale. La vecchia Ragusa è quella che chiamata
Ibla e che sorge su uno sperone di roccia dominando le vallate Testo alternativo accessibile sottostanti.
 E' molto piacevole girare per le tortuose vie medievali e poi
 sbucare in piazza del Duomo, una piazza stretta da imponenti
 palazzi barocchi, che presenta infilate quasi al centro e per
 buona parte della sua lunghezza una serie di belle palme.

A chiusura di uno dei suoi lati più corti troviamo la Chiesa di STesto alternativo accessibilean Giorgio definita una delle più belle chiese barocche della Sicilia,
mentre all'altra parte troviamo la Chiesa di San Giuseppe entrambe progettate da R.Gagliardi di Noto e quindi quella di San Francesco all'Immacolata.
Nel girovagare si incontreranno palazzi strani come il "Circolo di conversazione" e sicuramente gelaterie e pasticcerie dove è possibile fare assaggi di "muscatili" cioè biscotti farciti con frutta secca, o gelati alla carruba con la quale in considerazione che la provincia Ragusana è a livello italiano la maggiore produttrice, preparano di  tutto, dal sugo
per la pasta alle torte. 

  Testo alternativo accessibileTesto alternativo accessibile

 Modica, a pochi chilometri, si presenta come un
 presepe, con le case raccolte fra loro con scarse
 possibilità di slarghi e di piazze, digradanti
 su un vallone.
 Va scesa lentamente quasi con piccoli tornanti, sino
 ad arrivare al Duomo di San Giorgio che ti accoglie
 dopo aver superato una bella scalinata che
 rappresenta un punto fisso dell'architettura barocca 
 siciliana e che permette una bella visione sull'intera
 città. In particolare è nel tardo pomeriggio verso la
 sera, quando cioè il sole manda gli ultimi caldi raggi
 che la si può ammirare nel suo colore migliore: un' ocra bruciato che la colora uniformemente.  

Testo alternativo accessibileTesto alternativo accessibile

Caltagirone merita sicuramente una visita perchè oltre ai palazzi e chiese raccolte in un bel centro storico, è rinomata per la ceramica.
Tutto emana una passione per questa materia, le vetrine di negozi, i palazzi, le targhe delle vie, le strade stesse o le scale.   

   

 

 

Piazza Armerina
E' famosissima per i mosaici, in particolare quelli denominati della Villa del Casale, cioè una villa romana del IV sec. dopo Cristo. Su una superficie di 3500 m2 la villa era la residenza di caccia di Massimiliano Erculeo, collega Testo alternativo accessibile di Diocleziano. Rappresenta una importante testimonianza della vita attraverso i suoi pavimenti a mosaico.Testo alternativo accessibile
Lo stato di conservazione è notevole e il loro fascino ci arriva integro e fortissimo. 
Possiamo ammirare scene di Caccia, scene tratte dai classici greci,Testo alternativo accessibilema anche di vita










quotidiana.
Si possono distinguere 4 zone: l'ingresso principale e quartiere termale, il peristilio con soggiorno e foresteria; ambienti privati e basilica e il triclinio e cortile ellittico.

Esternamente sono visibili due acquedotti per la raccolta delle acque utili alle terme e alle
fontane. Poichè la costruzione è imponente gli studiosi ritengono che non possa essere isolata,
pertanto sono in corso diversi scavi alla ricerca di altri siti. 

Link utili

   Palazzolo Acreide
  Piazza Armerina

       INIZIO PAGINA 

RITORNO A SICILIA 

Copyright ROBERTO.FONTANA.NAME ®