Ogni cosa č illuminata

Regia: Liev Schreiber

Sceneggiatura
:
Liev Schreiber

Fotografia:
Matthew Libatique


Montaggio
:
Craig McKay Andrew Marcus

Musica
: Paul Cantelon

Interpreti principali:
Safran Stephen Samudovsky
Nonno
Boris Leskin
Leaf Blower
Jonathan Safran Foer Jonathan Safran Foer Elijah Wood
Alex
Eugene Hutz



Produzione:
Warner Bros

Origine : Stati Uniti, 2005 Durata: 106' Colore

Genere: Drammatico

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   RITORNA AI MIEI FILM

 

 

 

 


I miei viaggi

 

Estero
Italia


 
 Chi Sono
 

 

 

 

 guestbook

 
 Fa sempre piacere leggere
 un messaggio lasciato da 
 chi č passato nel sito; se
 vuoi lasciare una tua traccia  o leggere quello che altri  
   visitatori hanno scritto:
                entra
 
 
 

 

 

  
 

 

 

 
 
 

 

 

Ogni cosa č illuminata

Sinapsi
Jonathan Safran Foer č un collezionista. Raccoglie cimeli di ogni membro della sua famiglia e li conserva in appesi al muro in una stanza della sua casa. Poco prima di morire, sua nonna gli regala una foto che risale alle origini della sua famiglia, quando suo nonno Safran Foer viveva in quella che č oggi l'Ucraina, in un piccolo villaggio chiamato Trachimbrod. Senza pensarci due volte, Jonathan si mette in viaggio per poter vedere quei luoghi e raccogliere qualche altro cimelio. E scoprire cosa davvero č successo quando suo nonno era giovane...

La Critica
L’attore Liev Schreiber (...) fa la sua prima regia adattando l’acclamato romanzo di Jonathan Safran, Foer Everithing Is Illuminated. L’impresa non era facile, perché il romanzo di Foer ha una complessitŕ non intuitivamente riducibile al cinema. Ma il regista neofita di origine ucraina si č distinto, con l’eccezione di qualche fastidioso errore quale l’uso onnipresente e ossessivo della musica. (...) Everything is iluminated restituisce parte della complessa vicenda degli ebrei d’Ucraina, che piů volte (e non solo dai nazisti) hanno subito la vendetta dei governi e la tortura dei soldati. Ma il film si concentra anche su un altro aspetto, ancor piů delicato: il rischio della rimozione e l’importanza della consapevolezza delle proprie origini. (...)

Dario Zonta - L'Unitŕ -

Non sono molti i Film in cui il tema conduttore č l'Olocausto, a volte diversi fra di loro, sia nel linguaggio che nella rappresentazione: "Ogni cosa č illuminata", ripropone il tema mantenendo come perno l'importanza della memoria.
Il film su un genere road movie anche grazie a una fotografia e una musica che non sono gregarie alla trama, ripropone un'Ucraina bellissima, in cui si avvertono i primi contagi con un consumismo occidentale che vi sta per dilagare, che cerca di dimenticare quelle vicende politiche che l'hanno vista collaborare con i Nazisti, arrivando anche cancellando dalla cartina Trachimbrod il villaggio dove si č svolto lo sterminio.
Il protagonista che va in Ucraina alla ricerca di informazioni su una donna che avrebbe aiutato suo nonno č un particolare gestore della memoria, č un collezionista, che raccoglie oggetti per la paura di dimenticare e ad aiutarlo sarŕ proprio una donna che ha raccolto e conservato tutta una serie di oggetti che ricordano quelle vicende e quelle persone, che il Mondo vuole dimenticare, con la convinzione che devono essere rese
Perchč questo avvenga lo possono spiegare le parole di Alex, "Perché forse la vita č tutto lŕ, nascosta in quelle piccole cose che illuminano, il fianco della nostra esistenza"

la mia recensione
 

 

Una citazione particolare merita la colonna sonora che accompagna tutto il film.

Autore
: Paul Cantelon; Titolo: Everything is illuminated; Etichetta: Tvt

Tracklist
:

1) Paul Cantelon - Odessa Medley 2) Leningrad - Zvezda Rok-N-Rolla 3) Csokolom - Amari Szi Amari 4) Leningrad - Dikiy Muzhchina 5) Paul Cantelon - Prologue/Babushka 6) Paul Cantelon - Little Jonathan/The Wall 7) Gogol Bordello - Bublitschki 8) The Con Artists feat. Peter Miser Ya-takoy 9) Leningrad - Malen’kiy Mal’chik 10) Tin Hat Trio - Fear of the South 11) Paul Cantelon - River Of Collections 12) Paul Cantelon - Tank Graveyard/Valse de Suzana/Dee-yed 13) Paul Cantelon - Sunflowers 14) Paul Cantelon - War Is Love/eta-Ya 15) Paul Cantelon - Trachimbrod/Ressurection/Requiem 16) Paul Cantelon - Inside-Out 17. Gogol Bordello Start Wearing Purple

 

       INIZIO PAGINA 

Copyright Roberto.Fontana.Name ®