I diari della motocicletta

Titolo
originale: 
The Motorcycle Diaries
Nazione:  Argentina, Cile, Perù, U.S.A.
Anno:  2004
Genere:  Avventura, Drammatico
Durata:  126
Regia:  Walter Salles
Cast:  Gael García Bernal, Rodrigo De la Serna, Mía Maestro
Produzione:  Michael Nozik, Edgard Tenenbaum, Karen Tenkhoff
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RITORNA AI MIEI FILM

 

I miei viaggi

 

Estero
Italia


 
 Chi Sono
 

 

 

 

 guestbook

 
 Fa sempre piacere leggere
 un messaggio lasciato da 
 chi è passato nel sito; se
 vuoi lasciare una tua traccia  o leggere quello che altri  
   visitatori hanno scritto:
                entra
 
 
 

 

 

  
 

 

 

 
 
 

I Diari della Motocicletta

Argentina, 1952. Due amici alla scoperta dell'America Latina. Ernesto Guevara ha 23 anni, studia medicina. Alberto Granado di anni ne ha 29, è laureato in biologia. Partono da Buenos Aires in sella a una Norton 500 del 1939, "la poderosa". Argentina, Cile, Perù, Colombia, Venezuela. Otto mesi. Persone e luoghi. Un continente diverso dal previsto. Le miniere di rame cilene e le condizioni dei minatori. L'Amazzonia peruviana e il lebbrosario di San Pablo. La Colombia, le manifestazioni giovanili, l'arresto. Il Venezuela, Granado che si ferma per fare il ricercatore. Si sveglia il germe degli uomini che diverranno più tardi. Si definisce il percorso etico e politico al quale dedicheranno la vita. In quel viaggio due giovani uomini trovano il loro posto nel mondo.

I diari della motocicletta è basato sui ricordi scritti da Guevara (Latinoamericana, Feltrinelli) e da Granado (Un gitano sedentario, Sperling&Kupfer), e nasce dal lavoro congiunto di Robert Redford, produttore, e del giornalista Gianni Minà (che da tempo cercava di realizzare un film sulla base di quelle memorie).

Che cosa accadde dopo quel viaggio ? Guevara rientrò in Argentina, si laureò, ripartì per raggiungere il suo amico, ma si imbatté nella repressione dello sciopero dei minatori in Bolivia e nel colpo di stato in Guatemala e in Messico. Conobbe i giovani cubani che stavano preparando la rivoluzione contro Batista e si unì a loro. Quattro anni dopo era il comandante Che Guevara, otto anni dopo chiamava a Cuba il suo vecchio amico. Che lo raggiunse, fondò la scuola di medicina di Santiago e avviò la ricerca biotecnologica.
Ora Granado è un pensionato povero ma non si è mai pentito di aver fatto questa scelta. "La mia lunga esistenza - ha dichiarato - è stata segnata da tre fattori fondamentali: la mia innata capacità di essere fedele ai miei sogni, la mia eterna amicizia per Ernesto Guevara, il mio impegno nella costruzione della Rivoluzione cubana. E sono grato alla vita per quello che mi ha dato".

recensione tratta da "La Repubblica"


Solo per essere un film "on the road" sarebbe un film da citare, ma ritengo non sia solo questo, in esso sono condensati anche i miei ricordi giovanili, miti mai spenti e il piacere di godere di un film con una struttura semplice, lineare, che ha resistito al rischio di cadere in facili soliloqui o sopratutto in mitismi edulcorati sul personaggio principale.
Ha seguito la trama dei due libri scritti dai due protagonisti, riportando alla luce due giovani con i desideri di libertà, di divertimento e di disponibilità tipiche dell'età giovanile.
Bellissime sono le immagini sui paesaggi incontrati che ci fanno attraversare l'intero Continente Sud Americano.

La mia recensione 

 

       INIZIO PAGINA 

Copyright Roberto.Fontana.Name ®